venerdì 21 settembre ore 17
Palazzo della Camera di Commercio, Sala Convegni, corso Vittorio Emanuele II 47, Pordenone

sabato 22 settembre ore 16.30
Piazza Chiossi, Domodossola


Francesco Visalli - Roma 2011
REALTA' ALTERNATIVA Chiostro del Bramante Roma

A cura di Giovanni Faccenda

Prezzo:
€ 25,00
Editore: Editoriale Giorgio Mondadori
Pagine: 128
ISBN/EAN: 978-88-6052-404-1

in breve
Prosegue il viaggio visionario di Francesco Visalli, inconsapevole artista predestinato.

Dopo Londra e Berlino ecco Roma, la nuova tappa del tour internazionale che lo vede impegnato quest’anno con la sua personale “realtà alternativa”. Seguiranno Barcellona, Mosca e Miami.

L’opera pittorica di Visalli difficilmente smette di mutare nello sguardo di chi la percorre. Visalli è un visionario del reale. Non elabora visioni che provengono dall’immaginazione, bensì appartengono alla realtà stessa, rappresentano dimensioni “alternative”.

Il catalogo presenta l’attività dell’artista attraverso 25 opere, ognuna delle quali è accompagnata da un particolare, dalla riproduzione del disegno preparatorio, dall’immagine della tavolozza dei colori e da un commento critico di Giovanni Faccenda, scritto in collaborazione con Giulia Leporatti.

Introduzione di Giovanni Faccenda, testi in italiano e inglese.
“Pittore visionario, ama comunque arricchire ogni rappresentazione di un arcano sapore esistenziale”.
Giovanni Faccenda

“Ogni suo quadro, che appare sempre chiuso e concluso, trasmette messaggi esaltanti”.
Paolo Levi

“In ognuna delle sue opere troviamo un filo conduttore che, come quello di Arianna, scava con artistica fermezza nell’intimità di attimi emozionali”.
Charlotte Stein Infantellina


FRANCESCO VISALLI
Nasce nel 1960, figlio di un impiegato delle poste e di una maestra. Cresce in uno dei quartieri più poveri e malfamati di Roma, quel “Borghetto-Prenestino” reso noto dai ragazzi di vita di Pierpaolo Pasolini. A 14 anni perde il padre e questo segnerà profondamente la sua vita. Francesco è figlio unico ed è costretto a cercarsi un lavoro per pagarsi gli studi. Diplomatosi geometra, si iscrive ad Architettura e si trasferisce a Los Angeles, dove lavoro e amore si intrecciano. A 25 anni il rientro in Italia, la laurea, un matrimonio felice che coincide con il successo professionale e la fortuna economica. La magia si interrompe a 43 anni, quando la sua vita va in crisi. Dopo un lungo periodo negativo, la reazione è una dirompente esplosione artistica che passa per il disegno e la pittura. La tecnica gli è sconosciuta ma lui la impara dipingendo, scoprendosi dentro uno stile che ha già espressioni e confini molto precisi. Le sue forme e geometrie sono definite da una sottile linea bianca che corre tra i colori, colori che non si toccano mai. I suoi quadri rendono manifesta la sua vita passata e futura, un turbinio di spasmi e tormenti vissuti come dalla parte sbagliata di un binocolo, sempre spostati un po’ più in là dal cuore, in una “realtà alternativa”.