Alessandro Todescan



Prezzo:
€ 38
Editore: Editoriale Giorgio Mondadori
Collana: Artisti
Pagine: 384
ISBN/EAN: 978-88-6052-727-1

in breve

La sontuosa monografia raccoglie una parte importante della produzione artistica di Alessandro Todescan, stimato notaio che, parallelamente all’attività professionale e fin dalla giovane età, si è sempre dedicato alla pittura con esiti di valore assoluto. Sono circa seicento le opere presentate, dai primi anni Sessanta ad oggi, e innumerevoli i soggetti riprodotti, dai fiori ai paesaggi, dalle foreste alle nature morte, dalle marine ai panorami montuosi. Non mancano città e animali fantastici, nudi, ritratti di persone e di atleti, personaggi dell’immaginario e della realtà, ma anche opere che tendono decisamente all’astrattismo e all’informale. Articolato e sempre efficace anche l’utilizzo delle tecniche, che l’artista padroneggia con capacità e disinvoltura: dall’olio alla tempera su tela, dalla china ai pennarelli colorati su carta, dalle matite al carboncino, dai pastelli a cera all’acquerello. Qualche scultura arricchisce il profilo di un artista completo ed eclettico. Testo introduttivo di Mario Guderzo, contributi critici di Federica Luser ed Ennio Pouchard, con traduzione in lingua inglese.

"C’è una base sapienziale alle radici dell’opera di Todescan: la sua capacità creativa si nutre, infatti,
degli stimoli che lo spazio intorno a lui suggerisce, stimoli che egli filtra e distilla alla luce di un’esperienza estetica dai grandi riferimenti e che si addensa in opere di un evidente spessore qualitativo. La sua personalità è larga d’esperienze e si muove nei territori di una continua ricerca che s’impernia intorno all’informale, non disdegnando una sottile reminiscenza figurativa ed anche un ordito sotterraneamente geometrico che assicurano concretezza e radicamento alle sue creazioni."

Una grande monografia che presenta, in circa 600 immagini, il percorso di un artista capace di proporre con efficacia una sua visione del mondo spinto da una fantasia complessa e affascinante.

ALESSANDRO TODESCAN

Nato nel 1939, parallelamente a una lunga attività notarile Alessandro Todescan si è da sempre dedicato alla pittura, che in lui è soprattutto trasfigurazione, nel senso che tutto è dentro il colore, come se fosse qualcosa che scaturisce dall’interno dell’artista, dal suo cuore, dai suoi precordi e non dalla sua mente e dal suo intelletto. Non manca alla creatività di Todescan una certa sensibilità surreale, che, per accenni, si evidenzia intorno alla puntualità esecutiva del dipinto. Il suo è un approccio all’opera d’arte che ci apre mondi figurativi totalmente nuovi ed inediti, dove, per usare una espressione di Paul Klee: “l’arte non rappresenta il visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”. La carriera artistica di Todescan è scandita da poche e qualificate esposizioni personali accompagnate da altrettanti cataloghi.