sabato 23 settembre ore 11
Castello Sforzesco, Sala dell'Affresco, piazza Ducale 20, Vigevano -Pv-

sabato 30 settembre ore 16
Castello Isimbardi, via Milano 30, Castello D'Agogna -Pv-


La donna bianca
Kira Salak


in libreria dal 4 giugno
Prezzo:
€ 18,00
Editore: Cairo Editore
Collana: Scrittori stranieri
Pagine: 416
ISBN/EAN: 9788860522191

in breve
Poco più che trentenne, Marika Vecera, americana di origine ceca, ha alle spalle una storia familiare dolorosa. Forse è per questo che ha scelto uno dei mestieri più rischiosi: la reporter di guerra.

Ne è convinto il suo compagno psicologo Seb, che vorrebbe condividere con lei un’esistenza normale. Ma Marika non sa vivere altrimenti. Dopo essere miracolosamente sopravvissuta all’incontro con i ribelli in Congo, ancora in pieno choc post-traumatico decide di lasciare la città e ipotecare il suo futuro con Seb per rimettersi in viaggio. Destinazione: Papua Nuova Guinea, sulle tracce di Robert Lewis, il giornalista eroico che per lei è sempre stato modello inarrivabile, mentore a distanza, ideale figura paterna. In realtà Lewis è stato ufficialmente dichiarato morto, o meglio suicida. Perciò Marika aveva deciso di scrivere la sua biografia, anche se non poteva, non voleva credere alla scomparsa del suo mito.

Ma non è la sola: c’è chi dice di averlo avvistato nel cuore della giungla papuana. Niente può ostacolare la sua ricerca, che giorno dopo giorno prende il sapore di un’ossessione: non il pericoloso universo tribale in cui la conduce Tobo, lo sciamano che si è scelta come guida; non la malattia che pure la colpirà; non le disperate condizioni di una missione senza certezze. Marika vuole intraprendere un viaggio al limite delle possibilità umane, vuole trovare se stessa. La «donna bianca», come viene chiamata dai nativi, violerà il cuore segreto di un mondo sconosciuto dove gli uomini temono gli spiriti della notte, si spingerà oltre la paura per esorcizzare l’oscurità che vive dentro di lei.

Al suo debutto narrativo, a metà tra Cuore di tenebra e Lara Croft, Kira Salak – giornalista di guerra vincitrice del PEN Award e prima donna ad attraversare da sola la Papua Nuova Guinea – ha sublimato quel film d’avventura che è la sua vita in materia da romanzo, trascinando il lettore in luoghi ostili e inesplorati in cui un essere umano, prigioniero di una natura magica, è chiamato a confrontarsi con la propria anima.