venerdì 29 dicembre ore 18
Biblioteca Civica, piazza Airaldi e Durante 7, Alassio -Sv-


BUENOS AIRES ART
Artisti Italiani Contemporanei a Buenos Aires



Prezzo:
€ 20,00
Editore: Editoriale Giorgio Mondadori
Collana: Artisti
Pagine: 96
ISBN/EAN: 978-88-6052-731-8

in breve
È il Paese del tango ad ospitare la prima rassegna ItaliArts del 2016. In mostra, nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires, gli artisti: Luca Alinari, Annemarie Ambrosoli, Odino Bacchin, Giovanni Basso, Emiliano Bazzanella, Clara Benedetti Orsano, Martina Bertossi, Adriano Bolzan, Alda Bòscaro, Paola Caenazzo, Adriana Calandrino Zampieri, Giancarlo Caneva, Antonio Capoferri, Marcello Caporale, Giorgio Celiberti, Armando Cheri, Pierluigi de Lutti, Mariarita Demuti, Claudio Mario Feruglio, Rina Foramiti, Ado Furlanetto, Carla Galli Morandi, Mauro Gentile, Grazia Gottarelli, Enrico Marras, Pina Meneghin Buzzacchera, Giampaolo Muliari, Giuseppina Pioli, Alida Puppo, Claudia Raza, Carla Rigato, Angelo Rinaldi, Sergio Simeoni (Serpic), Anna Paola Snaidero, Vittorio Sopracase, Leo Strozzieri, Thon (Fausto Tonello), Giovanni Toniatti Giacometti, Franca Valenti, Luciana Zabarella. Coordinamento editoriale di Carlo Foramiti e Sonia Paolone, testo introduttivo di Vito Sutto, traduzioni in spagnolo a cura di Alicia Mannucci, Maria Jordà e Dora Pentimalli. In copertina opera di Adriano Bolzan.

"Il Progetto artistico ItaliArts che approda nella capitale argentina porta in questa terra l’essenza dell’italianità... Provenienti da più parti d’Italia, (gli artisti) sono tutti professionisti ben sperimentati nell’arte pittorica ed espongono per la prima volta in Argentina... Lo spazio d’arte dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires dà voce alle loro aspirazioni e li presenta nella capitale argentina, città tra le più ricettive al mondo per storia e vocazione.”
Maria Mazza Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires

Quaranta artisti che si propongono come un grande laboratorio della realtà, interpretata da personalità intente a dar forma e colore alle proprie inquietudini e ai propri interrogativi esistenziali.