Metamorphosis

Editoriale Giorgio Mondadori

Metamorphosis

a cura di Fortunato D’Amico

Il libro, in parte autobiografico e accompagnato da un ricco compendio critico, racconta la vicenda di un protagonista dell’arte contemporanea che ha incrociato i destini di vari personaggi, tra cui Lucio Fontana e Raffaele Carrieri, animatori culturali d’eccellenza nella Milano degli anni Cinquanta e Sessanta. Padrone assoluto di varie tecniche pittoriche, in Pignatelli trovano feconda sintesi creativa le esperienze della figurazione contemporanea ma anche le occasioni trasfigurate del Barocco meridionale. Al testo autobiografico dell’artista si aggiungono quelli del curatore Fortunato D’Amico, Raffaele Carrieri, Angelo Crespi, Giancarlo Lacchin e un’intervista con il gallerista Giuseppe Lezzi, con l’intento di restituire il clima emozionale intorno all’arte di Ercole Pignatelli nonché una lettura critica esterna dei fatti e delle vicende esposte. Nella parte finale una selezione di opere che ripercorrono la produzione dell’artista, dal 1954 ad oggi.

“Il volume si propone, attraverso le vicende che orbitano attorno alla figura di Pignatelli, di narrare uno spaccato di Storia dell’arte contemporanea italiana. Una Storia che, dal secondo dopoguerra, partendo da Lecce e transitando stabilmente da Milano, arriva ai giorni nostri portando con sé il carico di una stagione mitica e leggendaria, certamente irripetibile.” Fortunato D’Amico

La bella storia di un giovane coraggioso e determinato che a soli 18 anni arriva a Milano dalla nativa Lecce e nel capoluogo lombardo diventa un protagonista dell’arte contemporanea.

Rabdomanti, masserie, germinazioni, nudi, basamenti floreali, paesaggi, marine, tutto in Pignatelli è fatto per illuminare di bellezza la realtà.